La redazione

GORDIANO LUPI (clicca la foto)


 

                                      VINCENZO TRAMA (clicca la foto)


FABIO MARANGONI: captaintrips2007@hotmail.it

 

 


MIRKO TONDI (clicca la foto)

 


PATRICE AVELLA (clicca la foto)


SERGIO CALZONE (clicca qui)


FABIO STRINATI: (clicca la foto)


PATRIZIA RAVEGGI: patrizia.raveggi@gmail.com


FILIPPO FERRUCCI (clicca la foto)

Alessio Santacroce – Nasce a Livorno il 2 agosto del 1971. Nel 1994 fonda il gruppo musicale “La quarta via” e in vent’anni di attività realizza tre album e altrettanti videoclip, ritagliandosi un piccolo spazio nel panorama underground italiano. Nel 2007 esce il suo primo noir ambientato in Garfagnana, “L’impronta dell’Iride”, edito da “Statale 11”, seguito nel 2009 dal romanzo breve “I Giudici”, pubblicato da Tagete. I proventi di quest’opera sono stati interamente destinati alla ONG Anthropos per la realizzazione di una scuola a Marial Lou, in Sud Sudan. Il 2012 è l’anno de “Le pietre di Padre Cenere”, edito da “Il Foglio Letterario” di Piombino, un romanzo appassionante che rappresenta il grande passo verso una maturità artistica globale. Dal maggio dello stesso anno, Santacroce cura con successo la rubrica musicale “Demo” sul quotidiano “Il Tirreno” e fonda col giornalista Dario Serpan l’evento Livorno Music Awards arrivato alla sesta edizione. Sempre con Serpan scrive per il Foglio Letterario il libro “In fondo suona”, la storia di 160 band livornesi dagli anno ’90 a oggi. Nel 2015, insieme allo staff di Percorsi musicali, scrive e presenta in tv 12 puntate del format televisivo Bending, anche questo dedicato alle band che popolano l’underground toscano. Nel 2017 esce il suo primo album solista, Migras (Ghost Label Record), accolto con entusiasmo dalla critica di settore che lo menziona tra i lavori più significativi dell’anno. Anche i proventi di questo disco sono stati donati alla ONG Sawa Sawa per la costruzione di una casa famiglia in Kenya.

 

 

Marco Amore – Benevento, 1991. Nel 2010 pubblica il suo primo romanzo, scritto all’età di

sedici anni, cui fanno seguito tre raccolte di racconti. Dal 2013 è attivo nel mondo dell’arte

contemporanea come curatore di mostre in spazi pubblici e gallerie private, sia in Italia che all’estero. Di recente ha esposto, con il pittore Angelo Zanella, presso la Biblioteca Nazionale “Vittorio Emanuele III”, sez. Americana e Venezuelana, di Palazzo Reale, Napoli, un taccuino per

parole e segni sulle orme di Henry David Thoreau.

Lucia Russo – Cerreto Sannita, 1995.Diplomata al Liceo Artistico di Benevento nel 2014, ha curato negli anni a passione per l’arte e la fotografia partecipando, in maniera attiva, all’organizzazione e alla promozione di

mostre.

 

Luca Palmarini, slavista di formazione, traduttore, attualmente è docente e ricercatore presso l’Università Jagellonica di Cracovia, dove insegna storia dell’Italia contemporanea e lingua italiana. Nei suoi articoli scientifici si occupa dei rapporti storico-culturali tra Italia e Polonia. Recentemente ha dato alle stampe La lessicografia bilingue italiano-polacca e polacco-italiana dal 1856 al 1946; è inoltre autore del blog La Polonia di Luca, in cui pubblica i suoi articoli sulla storia e cultura polacche. Dal 2016 è presidente della Società Dante Alighieri – Comitato di Cracovia.

 

 

www.facebook.com/profile.php?id=100008989336063