Bending - Alessio Santacroce - Siberia, il nuovo dark pop italiano

Bending – Alessio Santacroce – Siberia, il nuovo dark pop italiano

Metto subito in chiaro le cose, quando parlo dei Siberia non posso essere obiettivo in quanto sono, senza ombra di dubbio, il gruppo che mi ha dato più soddisfazioni da quando nel 2012 ho cominciato questa missione a sostegno della musica indipendente. In realtà li ho scoperti per puro caso mentre navigavo sul tubo alla ricerca di nuovi talenti, era giovanissimi e nel loro video compariva un’attrice molto nota, particolare strano per una band di esordienti. Inoltre la canzone era bellissima e il cantante aveva una voce fuori dal comune. Ben presto venni a sapere che non c’era niente di strano, l’attrice era semplicemente imparentata con uno dei musicisti, ma quella canzone non riuscivo proprio a togliermela dalla tesa. Fu così che invitai per la prima volta i Siberia a suonare durante un evento che avevo organizzato per DEMO e da lì non si sono più fermati. Dopo un disco d’esordio come “In un sogno è la mia patria” (distribuito da Artist First ed edito da Sony) che annovera tra le sue tracce perle come “Gioia”, “Mare”, “Patria”, “Galahad” e la già descritta “Irripetibile”, si sono ripresentati quest’anno con “Si vuole scappare”, prodotto da Federico Nardelli e uscito ancora una volta per l’ottima Maciste dischi. L’album è un perfetto connubio tra la new wave di stampo britannico e il cantautorato italiano, con riferimenti sonori che vanno dagli Editors a Luigi Tenco passando per i Joy Division del mai dimenticato Ian Curtis. A mio avviso rappresenta la definitiva consacrazione per questi ragazzi che hanno saputo introdurre suoni moderni senza snaturare l’anima indie della loro proposta. “Si vuole scappare” è stato anticipato dal lancio del video di “Nuovo pop italiano” (regia diBENDO FILM) girato a Roma nella casa museo dello scultore JOAQUÍN ROCA REY e che vede l’attore LUCA FILIPPI nei panni di un uomo affetto da Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC). Il protagonista vive ripetendo quotidianamente le stesse azioni nella stessa maniera ossessiva, finché la visione di un teschio gli rivela l’esistenza della morte e tutto cambia. Tra le righe di questo brano c’è tantissima sostanza che mette in risalto la complessa personalità del vocalist Eugenio Sournia, un artista giovane ma dotato di un songwriting sublime e maturo. Pura poesia anche la seconda traccia Cuore di Rovo (Svegliati! pesano in capo ai miseri le nostre feste inutili, pesano in capo ai malati, agli storpi, alle vedove i nostri alibi).  

 

Il brano è accompagnata da un video toccante che vi consiglio di guardare dall’inizio alla fine.Particolarmente riuscita anche la successiva “Yamamoto” e la conclusiva “Ritornerà l’estate” che sono certo piacerebbe anche a Franco Battiato. I Siberia lottano contro il tempo e la fragilità, digrignano i denti in maniera delicata ma autorevole. Lo spleen post-adolescenziale, gli psicofarmaci, l’ebbrezza, le relazioni, le playlist di spotify. Di fronte al nulla e alla precarietà, proprio nel momento in cui si stanno mettendo stabili radici, ci si fa prendere dalla voglia di scappare, di sfuggire e di sfuggirsiI Siberia nascono nel 2010 a Livorno e, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non prendono il nome dal capolavoro di Federico Fiumani e soci, bensì dall’immaginario evocato dal libro di Nicolai Lilin “Educazione siberiana. Nell’autunno del 2015 partecipano alle selezioni di “Sanremo Giovani” giungendo fino alla fase finale in diretta televisiva nazionale su Rai 1, con la canzone “Gioia”.  Ultimamente i loro concerti sono sempre più affollati e questo è un bel traguardo per una band che non ha cercato scorciatoie ed è pronta per il grande salto. I Siberia sono: Eugenio Sournia (voce e chitarra), Luca Pascual Mele (batteria), Cristiano Sbolci Tortoli (basso) e Matteo D’Angelo (chitarra). Sono anche lieto di annunciarvi che da oggi parte un’importante collaborazione tra la nostra rubrica e la trasmissione radiofonica “Garage Radio” (http://www.garageradio.it/index.html) che ospiterà le band da noi recensite. Vi ricordo che Bending è una produzione di Percorsi Musicali e che il 7 aprile vi aspettiamo nella sede di via delle Sorgenti a Livorno per festeggiare tutti insieme Il Foglio letterario. Buona visione!

 

Alessio Santacroce

 

link al video

(https://www.youtube.com/watch?v=oXVl_VIRKMc)

Please follow and like us: