Vincenzo Trama - "I cani ci odiano?" di Biagio Bagini

Vincenzo Trama – “I cani ci odiano?” di Biagio Bagini

Biagio Bagini

I cani ci odiano?

Augh! Edizioni – collana Frecce – 162 pagine – Euro 14,00

Link diretto al libro

 

Biagio Bagini, scrittore e musicista, ha all’attivo diversi progetti culturali; è paroliere per la radio, chitarrista nel duo “Conciorto”, ensamble che musica con ortaggi e  verdure, insomma, non è di certo solito stare con le mani in mano. O zampe, bisognerebbe dire parafrasando il suo ultimo romanzo, uscito per i tipi di Augh! Edizioni.

I cani ci odiano? è un romanzo in cui il ribaltamento prospettico è il protagonista principale; i cani hanno il pieno dominio sul mondo che abitano, il pianeta Laika, e gli esseri umani sono addomesticati apprendendo esercizi o attività che possano intrattenere quelli che una volta erano i migliori amici dell’uomo. La vicenda è narrata in prima persona da Pot, il cui padrone, il labrador Buck, è solito portarlo a fare una passeggiata prima di farlo esibire nella sua specialità di intrattenitore. Pot infatti è un inventore di storie e proprio per questo, in quanto autore del libro I cani ci odiano (senza dubitativo, stavolta) viene scelto per una missione segreta dal nome “Volpe Rossa”. Sarà per lui l’occasione di comprendere come la realtà non è come gli appare, a partire dalla stessa Laika, che gli si presenterà sotto una nuova veste – o sarebbe meglio dire, per chi ha letto il libro – una nuova faccia. E avrà modo di compiere un viaggio a ritroso nella storia dell’umanità – o della caninità? – in cui scoprirà quanto la presenza del mondo animale abbia da sempre avuto molti più punti in comune con il sentire dell’uomo stesso, soprattutto in senso negativo.

I cani ci odiano? è un distopico puro, non di semplice lettura. Richiede un’immersione nel mood Bagini che non è scontato, specie se non si è appassionati a questo tipo di narrativa. Io personalmente ho trovato ben congeniata la natura quasi cronachistica della seconda parte del libro, dove l’autore si diverte a capovolgere la storia dell’uomo con digressioni fantascientifiche spassose e di grande efficacia – come ad esempio la nascita e la caduta del caninismo – che richiamano la storia dell’uomo, parodiandola con espliciti riferimenti ma mantenendo la distanza di sicurezza: è pur sempre dei cani che l’autore vuole parlare.

Sarete catturati da questo libro solo se ne accetterete la diversità strutturale, adattandovi alla follia animalesca del suo autore; non ci troverete un classico romanzo, né una disamina sul mondo canino. O meglio, ci troverete tutto questo, solo con qualche tocco visionario in più.

Un romanzo acidamente weird, lontano dal canone contemporaneo italiano. Doppiamente meritevole d’attenzione da parte nostra, quindi.

Vincenzo Trama

 

Please follow and like us: