Vincenzo Trama - Intervista a Radio Blog

Vincenzo Trama – Intervista a Radio Blog

In questo numero ospitiamo tra le nostre pagine l’ interessante esperienza di Radio Blog, presente sul Foglio Letterario con la lettura di Calcio e acciaio: dimenticare Piombino, Acar edizioni. A curare il tutto è stata Chiara Pugliese, supportata dall’illustratrice Eva Pratesi. Mettete dunque da parte palline di Natale e panettoni e vediamo di far la loro conoscenza.

Allora Chiara, evitiamo subito domande banali: cos’ è Radio Blog e come nasce?

Nasce dall’incontro tra me, appassionata di radio e lettura, la scrittrice livornese Patrizia Poli che gestisce il blog collettivo “Signora dei Filtri” ed Eva Pratesi, giornalista e illustratrice. L’idea era quella di dare voce al blog creando dei contenuti audio dedicati a temi letterari e coinvolgendo i collaboratori del blog e coloro che lo seguivano. Abbiamo creato questa rubrica all’interno di “Signora dei Filtri” che si chiama appunto Radio Blog iniziando ad intervistare gli scrittori Franco Piol e Maria Letizia Putti. Da lì è stato un susseguirsi di interviste a scrittori, audioletture delle loro opere e chiacchierate su temi comunque sempre inerenti al mondo dei libri e della letteratura in generale. Il tutto arricchito dalle illustrazioni evocativedi Eva che crea immagini dedicate ai contenuti audio che pubblichiamo. Da poco è nata anche una pagina facebook di Radio Blog dove raccogliamo e riproponiamo al popolo social l’ascolto dei nostri contenuti.

In che modo il web può essere utilizzato per promuovere la cultura? È davvero uno “spazio” che può dare qualche frutto, secondo te?

Considerato che tutto passa ormai attraverso il web, direi che il potenziale per promuove e raggiungere le persone è altissimo. Forse troppo! . Il web è molto più “democratico” di quanto non lo fosse la televisione prima, ma ci sono ormai così tanti contenuti e informazioni che si susseguono ad una velocità altissima, che ci si sente sempre più “bombardati” e si riesce sempre meno a seguire o approfondire veramente qualcosa. Ciò non deve scoraggiare secondo me, ma semmai essere di incentivo a puntare sulla pubblicazione di una minore quantità di contenuti che abbiano però un maggiore grado di qualità e di approfondimento.

Conosci progetti che promuovono in maniera differente i libri, come fa Radio Blog? Ce ne consigli qualcuno?

Oltre a tantissime blogger letterarie che ho avuto l’opportunità di conoscere, ci sono svariati progetti che promuovono i libri anche perché, prima ancora di pubblicare ingenti quantità di libri, si deve cercare chi li legge e dunque incentivare il più possibile alla lettura. Abbiamo conosciuto Simonetta Bitasi che si definisce “Lettore ambulante”, Valentina Rizzi fondatrice di “Bibliolibrò”, libreria itinerante su un’ape calessino oggi divenuta anche bookshop e casa editrice, “Il club delle accanite lettrici” un gruppo ben strutturato di appassionati di lettura che si incontrano non solo per parlare di libri ma per leggerli insieme ad alta voce. Potrei continuare e citare molte altre interessanti iniziative, ma magari andate a spulciare la nostra rubrica per scoprirle voi stessi.

E a proposito di consigli: visto che il periodo festivo è un’ orgia di torrone e

pacchettini, che libri regaleresti a:

1)Il tuo miglior amico: Lessico Famigliare di Natalia Ginzburg o Ninfee nere di

Michel Bussi

2)Il tuo peggior nemico: Va dove ti porta il cuore di Susanna Tamaro

3) Un alieno che non conosce niente della nostra civiltà: “ Breve storia di (quasi) tutto” oppure Breve storia della vita privata entrambi di Bill Bryson.

Chiara, in poche parole di dici perché dovremmo seguire Radio Blog? Cos’ ha di speciale?

Perchè noi dialoghiamo e cerchiamo di dare voce a chi , con grande coraggio, crede ancora nel valore e nella promozione della lettura, dei libri e della cultura in generale …scrittori, case editrici, librai. Quindi ascoltarci significa dare un vostro piccolo contributo a far sì che queste realtà siano più valorizzate e soprattutto conosciute.

E ora qualche domanda a Eva Pratesi. Anche con te poche banalità. Ci racconti in poche righe chi sei e cosa fai?

Per lavoro sono giornalista specializzata nel settore turistico, mi occupo di formazione e copywriting per il web. Per passione sono una scarabocchiatrice fin da piccola: ho iniziato ricalcando i fumetti di Dylan Dog e dopo tanti, tanti anni di assoluta inattività ho deciso di iscrivermi all’Accademia del Fumetto di Siena, dove abito, per imparare a raccontare storie attraverso il disegno. Sono passati cinque anni e con i “colleghi” della scuola abbiamo fondato il collettivo di fumetto Banda Gialla. Al momento stiamo lavorando a progetti personali di graphic novel con l’obiettivo di presentare i nostri racconti alle prossime fiere di settore e anche online.

Qual è il tuo ruolo in Radio Blog?Come nasce la tua collaborazione con Chiara?

La collaborazione con Chiara nasce e si fonda su una grande amicizia. Abbiamo pensato che unire la sua voce al mio tratto poteva essere un modo originale di comunicare e promuovere storie di scrittori emergenti in sinergia con il blog già molto seguito “Signora dei filtri”. L’idea era quella di pubblicare articoli e audio-recensioni corredati da illustrazioni così da coinvolgere l’utente in modo nuovo e creativo. E poi ci piaceva che nessuno lo avesse mai fatto prima!

È un periodo piuttosto fertile per illustratori et similia. Forse anche per l’ attenzione suscitata a seguito del boom di Zerocalcare, ma l’ editoria e la cultura in generale sembra non snobbare più come un tempo l’ arte del fumetto o – come si dice oggi – della graphic novel. Tu che ne pensi?

Credo che il fumetto italiano stia vivendo un’epoca di vitalità grazie ad autori emergenti molto interessanti ed un genere narrativo, la graphic novel, sempre più apprezzato. Ovviamente siamo ancora indietro rispetto ad altri paesi come la Francia dove la graphic novel trova ampio spazio di pubblico e di investimenti tuttavia vedo una buona potenzialità nell’attuale fermento delle produzioni itialiane. Di grande interesse e da tenere sott’occhio, ad esempio, è il mondo delle auto-produzioni con il genere del web-comic , ovvero il fumettorealizzato per la rete e pubblicato sulla rete.

Consigli di Natale, Eva: tu che lettura vuoi proporci?

Tra le tante novità di Lucca Comics 2018 mi viene da citare Gipi con la raccolta giovanile “Boschi mai visti” o “Zlatan” di Paolo Castaldi, opera incentrata sulla figura del calciatore Ibrahimovic. Più in generale, alcuni titoli che ho particolarmente apprezzato sono: “La mia cosa preferita sono i mostri” di Emil Ferris, una storia di orrore e amore in stile pop, oppure l’interessante sguardo sulla vecchiaia e sulla malattia in “Rughe” di Paco Roca o, infine, la visione futuristica e distopica dell’Italia in “Golem” di Lorenzo Ceccotti.

Chiara ed Eva, concludete pure come vi pare: carta bianca per segnalare i vostri siti, eventi o quant’ altro ancora avete in saccoccia: non siate timide!

I progetti sono tanti e ci si moltiplicano tra le mani. Stiamo organizzando un ciclo di puntate dedicate alle blogger letterarie che sono tante e molte veramente brave e professionali, dunque cercheremo di valorizzarne e intervistarne più possibile. Stessa cosa faremo con le case editrici, anche e soprattutto le meno conosciute, cercando di raccontarvi la loro storia ed i loro progetti.

Inoltre siamo sempre disposte a valutare i vostri progetti, iniziative, idee e proposte di collaborazione. Fatevi avanti!

I siti da segnalarvi sono tanti e vorremmo ricordare tutti coloro che in questo anno e mezzo di vita del progetto Radio Blog hanno dato il loro contributo e soprattutto la loro voce. Visto che non è possibile vi invitiamo ad andare a conoscerli sulle nostre pagine.

http://signoradeifiltri.overblog.com/tag/radioblog/

https://www.facebook.com/voceagliscrittori/

Grazie per il vostro contributo e in bocca al lupo per Radio Blog e per tutti gli altri vostri progetti!

Vincenzo Trama

Clicca per ascoltare la lettura di “Calcio e acciaio” di Gordiano Lupi

Please follow and like us: